Scuola Primaria Giovanni Duprè

dupre 1

Via Roma, 61 - 53100 Siena - Tel 0577 289017 / 46990- Fax 0577 46990

L'edificio scolastico che ospita la scuola primaria "Giovanni Dupré" ha conosciuto nel tempo diverse trasformazioni.
Fino al 1866, cioè fino all'emanazione della Legge n. 3036, era un monastero delle clarisse denominato "Degli Angeli" o "Santuccio". Quella Legge sopprimeva gli ordini e corporazioni religiose, così permise al Consiglio Comunale di deliberare nel novembre 1899 la destinazione ad uso scolastico del complesso, con l'impegno ad "assicurare alle cinque religiose superstiti una parte sufficiente e comoda del fabbricato suddetto, perché ivi possano abitare vita natural durante, restando sin da ora inteso che quando esse vengano a mancare, i locali debbano tornare al Comune" (dagli atti del Consiglio Comunale del 6 giugno 1907).  Avvenuto il passaggio definitivo dei beni al Comune, fu presentato il progetto per la "trasformazione dei locali dell'ex Convento del Santuccio in sede della Scuola tecnica e in sede della Scuola elementare del Terzo di San Martino, progetto che, secondo le perizie, importerà una spesa di lire 100.000 per la scuola tecnica e di lire 175.000 per la scuola elementare". Considerata la limitata disponibilità finanziaria del Comune e la somma chiesta a mutuo, fu deciso che per primi sarebbero cominciati i lavori per la scuola tecnica (dagli atti di Giunta e Consiglio Comunale del settembre 1914).
Nel 1916 la Giunta sottopone all'approvazione del Consiglio comunale la nuova perizia per la costruzione e l'arredamento della scuola elementare del Terzo di S.Martino, il cui importo ammontava ora a lire 222.000, ma dovranno passare ancora tre anni per dare inizio ai lavori, anche a causa dei problemi che continuava ad incontrare la pratica di concessione del mutuo.
Giunti al punto che la costruzione della scuola non poteva più essere rinviata, fu deliberato di "autorizzare i lavori di demolizione del fabbricato dell'ex Convento delle Clarisse o del Santuccio, indispensabile per la costruzione del nuovo edificio scolastico per le Scuole elementari del Terzo di San Martino" (dagli atti di Giunta e Consiglio Comunale del febbraio-marzo 1919).
Dopo varie vicissitudini, tra cui un complesso intervento alle fondamenta dovuto a infiltrazioni d'acqua e il vertiginoso aumento dei prezzi di costruzione, nel 1923 fu completata l'opera. Il 27 giugno dello stesso anno la Giunta Municipale deliberava di intitolare il nuovo edificio scolastico al nome di Giovanni Dupré (Siena 1817 - Firenze 1882), con le seguenti motivazioni: "Ritenuto che nessun nome potrebbe meglio rispondere al duplice scopo di onorare la memoria di un Senese veramente degno delle gloriose tradizioni artistiche e culturali della nostra Città, e di inspirare le nuove generazioni al nobile esempio della sua vita, tutta spesa nello studio, nel lavoro, nel compimento delle opere buone, in quanto che Giovanni Dupré, sorto da umili natali, seppe, con la forza dell'ingegno e della volontà, conquistare meritata gloria nel campo della scultura ed anche delle lettere, fu cittadino devoto ed affezionato alla sua Siena natale, fu amico degli umili, prodigo di consigli e di aiuto a quanti a Lui ricorsero".

duprè
Dall'estate del 2004 al dicembre del 2005, con l'intera attività trasferita in altra sede, l'edificio ha conosciuto un vasto intervento di manutenzione straordinaria, che ne ha rinnovato completamente anche gli allestimenti interni, permettendo la ripresa delle lezioni in Via Roma all'inizio del 2006.
Oggi la Dupré è una scuola all'avanguardia anche per le attrezzature di cui dispone, acquistate in gran parte con il contributo della Fondazione del Monte dei Paschi. Forse sola tra le scuole primarie italiane, è in grado di dotare ogni classe – in aggiunta al laboratorio di informatica – di una postazione completa di stampante, accesso a internet, proiettore e connessione in rete con tutte le restanti "isole tecnologiche" della scuola. Oltre a servire tradizionalmente l'utenza cittadina compresa fra Piazza del Campo, Porta Romana e Porta Pispini, estende il suo stradario alla periferia Sud della città, fino alla frazione di Isola d'Arbia. La sua struttura interna è la seguente:

  • Piano terra (ingresso): 1 aula docenti/biblioteca magistrale, 1 aula multimediale, 3 ambienti adibiti a refettorio, 1 spazio cucina per lo sporzionamento dei pasti, 3 locali adibiti ad uffici di segreteria e dirigenza, 1 locale sotterraneo adibito ad archivio, 3 aule-classe, ampi corridoi, 1 stanza di servizio per i custodi, servizi igienici
  • Primo piano: 9 aule-classe, 1 aula per il sostegno, 1 aula laboratorio di inglese, 1 aula laboratorio di scienze, 1 aula per le attività di gruppo, 1 stanza di servizio per i custodi, 1 stanza per sussidi didattici, ampi corridoi, servizi igienici.
  • Secondo piano: 4 aule-classe, ampi corridoi, servizi igienici
  • Seminterrato: 1 aula audiovisivi, 1 palestra con spogliatoi, servizi igienici, 1 ripostiglio per attrezzature sportive, 1 locale adibito a rimessa (in altro edificio adiacente), ampio piazzale interno piastrellato